giovedì 20 dicembre 2012

DIY PROJECT for Christmas: come ti INCARTO il Natale


Mio padre dice che sono minimalista.
Minimalista nel fare la valigia e la lista di cosa portare in vacanza. Minimalista nel mangiare e nell’usare il sale (il giorno che lo ricovereranno per ipertensione allora ne riparleremo). Minimalista nel rifornire il mio armadio, nel numero di metri quadri in cui vivo (a lui 75 metri quadrati non bastano nemmeno come sgabuzzino), nelle dimensioni del mio albero di Natale e nel rispondere alla domanda “Cosa vuoi, per Natale?”
Quest’anno potrà dire che sono minimalista anche nel fare i pacchi.
Sì perché, grazie ai sempre-siano-lodati tecnici del fotovoltaico che ci hanno lasciato una marea di cartone di tutti i tipi, quest’anno quasi tutti i miei pacchi consistono in un semplice foglio di cartone ondulato avvolto intorno a un libro/portasapone in ceramica/calendario con foto di Tommi eccetera.
Non mi sono nemmeno sprecata a chiuderlo, il pacco, dirà lui.
Però ho fatto le decorazioni sopra, replicherò io.

Ed è vero che io le ho fatte con largo anticipo, ma sono talmente semplici e veloci che potete farle anche il 23 dicembre, anche mentre mettete l'ultima ciliegina sulla torta della vigilia o spalmate i crostini di patè di salmone. Con non pochi e non trascurabili vantaggi aggiuntivi che andiamo ad elencare qui, nelle seguenti, velocissime istruzioni per il nostro...


Tutto quello che serve, qui, è un cartone spesso e duro, come quello che sta in fondo agli album da disegno.
Si ritagliano le forme col taglierino e si colorano davanti e dietro con le tempere: come abbiamo detto, questa è una cosa da fare in velocità… e dato che io e Tommi stavamo dipingendo tutt’altro, ho approfittato dei suoi colori per fare anche queste… il risultato è stato un po’ psichedelico e a volte molto lontano dal classico rosso/bianco natalizio, ma ho scoperto poi che se metti uno spago fucsia e un cuore arancione sul cartone ondulato, è la morte sua!
Una volta colorate, viene la parte divertente: quando siete al telefono con l’Enel e vi state rincoglionendo con un'interminabile Primavera di Vivaldi in attesa che vi prendano la chiamata, quando vostra sorella – sempre al telefono – vi racconta le sue disavventure del sabato sera, quando siete crollate sul divano coi piedi stanchi all'aria o quando, semplicemente, vi girano, prendete in mano una di queste formine e iniziate a disegnarci sopra con la biro linee, triangolini, trattini eccetera eccetera… presto raggiungerete un invidiabile livello zen che vi permetterà di affrontare con serenità tutta la questione “natale” e il problema più spinoso di cosa metterci, dentro ai pacchetti. E questo è il primo vantaggio.
Il secondo vantaggio è che, data la consistenza robusta, queste forme possono diventare decorazioni per l’albero, per la casa, e di fatto sono un’aggiunta al regalo (per cui, se avete ripiegato sulla bottiglia di vodka riciclata, aggiungeteci una di queste e fate una più bella figura! :-P)

Ecco poi un'altra serie di bigliettini natalizi. E qui il vantaggio sta nel far collaborare (tenendoli impegnati per un quarto d’ora, che non è poco) anche i bambini piccoli piccoli. Tipo un anno. Noi li avevamo fatti l’anno scorso, con Tommi che aveva 14 mesi.
Semplicemente gli ho messo i pennarelli in mano e l’ho lasciato scarabocchiare su un foglio bianco. Poi ho ritagliato degli alberi di natale nei punti dove le linee erano più fitte e somigliavano di più a quei “festoni pelosi” che decoravano il mio albero da bambina (e che, una volta raggiunta la capacità di intendere e di volere e un minimo peso nelle decisioni familiari, ho abolito).
Ci ho messo sotto un cartoncino con la stessa forma, per scrivere i miei lunghissimi messaggi di auguri, ho bucato i due cartoncini in cima e li ho debitamente e coordinatamente infiocchettati. Tutto qui.
Tempo netto: 5 minuti + quello che serve allo gnomo per scarabocchiare il foglio (e che solitamente è molto poco).
Le nonne - e tutti i parenti acriticamente entusiasti delle opere del piccolo – sentitamente ringrazieranno.

***
Con questo post partecipo all'iniziativa di Floriana - Madre Creativa, che si è presa a cuore tutte le mamme in ritardo e in overdose da preparativi e ha raccolto in NATALE LAST MINUTE dieci progetti natalizi straveloci di dieci mamme blogger... andate a vederli!!

15 commenti:

  1. ...io direi essenziale, e concreta! buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, bene... questa gliela dico, a mio padre!! :-P

      Elimina
  2. Brava brava Fra! Diglielo a tuo padre! ;-)

    RispondiElimina
  3. sei fantastica, sia nel pensare e nel creare, sia nello scrivere...dolci feste a te

    RispondiElimina
  4. Less is more, dillo a tuo padre ;-)
    Belle idee, io uso spesso i fogli "scarabocchiati" da mia figlia per incartare i regali, tutti apprezzano e io smaltisco un po' delle inesauribili scorte di disegni che abbiamo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche @ clara: riferirò... ma mio padre spesso è incredibilmente barocco!! :-P

      per quanto riguarda i fogli scarabocchiati... in effetti potrei farlo anche io e incartarci un intero negozio, dato che la produzione attuale va dai 5 ai 10 disegni al giorno, solo che io lo faccio disegnare dietro le bollette, le fatture e i vecchi estratti conto... non so quanto è il caso di mandare in giro questa roba... (anche se forse potrei trovare qualche anima caritatevole che le paga al posto mio, le fatture!!! :-D)

      Elimina
  5. Mi fa pensare alla colomba di Picasso, la adoro! Grazie per aver partecipato con i tuoi bellissimi chiudipacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te di aver pensato l'iniziativa e di avermi coinvolta... lo dicevo anche a daniela: credevo di essermi organizzata e aver fatto tutto quello che devo fare per la vigilia (cioè poco) in tempo e invece mi trovo anche io a prendere appunti per le decorazioni last minute!!! :-)

      Elimina
  6. carinissimoooooo! io invece vado a momenti, spazio dall'eccesso barocco al minimalismo estremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhu... no, a me il barocco non piace (tranne bernini... io ADOOOOORO le sue statue così barocche e dagli impossibili equilibri di pietra), però a volte, riguardando le mie cose, mi accorgo di avere anche io momenti di puro "baroccheggiamento"...

      Elimina
  7. Uh ma che belli. Beh velocissimi anche i tuoi.

    RispondiElimina
  8. Che belli! Ma tu guarda con poco cosa hai tirato fuori....più handmade di così!!!

    RispondiElimina
  9. @ daniela, elegraf, marshall... grazie! :-D

    RispondiElimina
  10. Sono qui per farti tanti auguri e dirti che ora la rivista nel mio post di oggi è al completo...grazie al tuo commento mi sono accorta dell'errore. Un caro saluto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...