lunedì 3 giugno 2013

AMARCORD: giochiamo a figurine?


Sì, è vero, ieri c’era il sole, io e il nano siamo stati tutto il giorno spaparanzati in giardino a rotolarci nell’erba e ingozzarci di vitamina D, offrendo generosamente le nostre carni tenere e bianchicce ai morsi assassini delle tigri.
Ma oggi ri-piove. Come l’altro ieri. E il giorno prima ancora.
E in questa primavera-estate che sa d’autunno noi, poveri genitori che avevamo confidato nelle corse all'aria aperta per sfogare le energie represse, ci siamo trovati invece a racimolare tutti, ma proprio tutti i giochi indoor che conoscevamo, nel tentativo di distrarre quella tigre in gabbia, nervosa e potenzialmente letale, che è diventato il nostro treenne.

Per cui, di fronte all’ennesima crisi di nervi, il pater familias ha sfoderato dal cilindro l’ennesimo Amarcord, ovvero…
Il gioco è molto semplice e si basa su un unico ingrediente, solitamente disponibile in tutte le case con nani: le figurine.
Si dividono le figurine in due mazzi (ma anche tre, quattro… a seconda dei giocatori) e il primo giocatore lancia sul pavimento una carta. Il secondo giocatore ne lancia un’altra, cercando di sovrapporla, anche in minima-minuscola parte, a quella che già c’è. Se ci riesce, entrambe le carte diventano sue e vanno a ingrossare il suo mazzo, altrimenti le carte restano lì sul piano, a disposizione del prossimo giocatore che cercherà di “coprirle” con una delle sue carte e quindi di prenderle.


Perde chi finisce per primo il mazzo (e, se ci sono più di due giocatori, il gioco prosegue finché non ne resta solo uno).
E per dovere di cronaca va riferito che Valerio, in questo gioco proveniente dalla sua infanzia, ha pure perso. 
Con suo figlio treenne. 
Senza nemmeno barare al ribasso. :-)

E voi? Cosa state inventando per contrastare maltempo e malumori?!?

10 commenti:

  1. Noi abbiamo fatto la cartapesta, anche se credo che a divertirmi sul serio sia stata solo io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D succede spessissimo anche a me!! io ancora con le mani in pasta, a convincere il nano annoiato che quello che stiamo facendo è divertentissimo quando lui vorrebbe andarsene solo a guardare peppa pig in santa pace!!!!

      Elimina
  2. Di tutto, se vedi il mio ultimo post. Bel gioco, è perfetto anche per i momenti di emergenza in viaggio o al ristorante... potresti quasi partecipare al nostro concorso, eh?!

    RispondiElimina
  3. Noi siamo pieni di figurine!!!

    RispondiElimina
  4. ...e bravi, vedo che state recuperando i classici vecchi giochi (io li adoro) non avete ancora pensato alla corsa dei tappi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adesso chiedo a valerio se sa cos'è... l'esperto in vecchi giochi è lui... e se non lo sa attendo un post dettagliato, ok?! :-D

      Elimina
  5. Anche noi in questi tanti giorni di pioggia ripeschiamo dal cilindro giochi di tutti i tipi, basta scacciare la noia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ieri da noi il gioco - uno spasso! - è stato: asciughiamo l'acqua che entra pure da sotto la porta!!! diluvio universale anche da voi?!?

      Elimina
  6. Per l'ennesima volta rimango stupita da cosa riesce a fare il vostro quasi 3enne... La sua capacità di concentrazione è degna di un 12enne! E meno male che lo definisci "tigre in gabbia"...
    Il mio ci avrebbe fatto un frullato di figurine, spargendole ovunque, nel giro di 2 minuti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...