domenica 5 gennaio 2014

I DADI inventastorie (e il dado degli animali)

Appena tirato un respiro di sollievo per il Natale, ecco che ti arriva la Befana!!
Con due bambini (perché un trentenne che ti saltella intorno ansioso per sapere se gli hai comprato Topolino, per metterglielo nella calza, non si può definire altrimenti) che fanno il conto alla rovescia e controllano le calze appese al camino - non sia mai che la Befana avesse deciso di lasciare qualcosa in anticipo -, che si lanciano in ardite quanto inopportune speculazioni sull'età della vecchietta e girano per la casa canticchiando "la befana ven di notte..."

Capitemi, tra i bambini suddetti, il lavoro e i residui dell'influenza il periodo non è dei più facili.
Per questo ho messo a tacere scrupoli e sindromi da mamma degenere e ho deciso di riempire la calza in questione, almeno per per quanto riguarda il bambino vero, con una quantità spudorata di cioccolatini e dolcetti (e vorrei proprio vedere se la pediatra mi dice qualcosa, che ogni volta che ci andiamo - praticamente con cadenza settimanale - regala a Tommaso una caramella che gronda zucchero già dalla carta!!). 
Con una piccola, legnosa eccezione...


I dadi inventastorie sono un classico che non può mancare in una calza della befana e, più in generale, in una casa con bambini al seguito. 
Noi li abbiamo fatti con legno e pirografo, ma possono essere tranquillamente ritagliati nel cartoncino, o si possono attaccare le figure a dei dadi veri, ai cubi di legno con cui vostro figlio ha giocato fino all'anno scorso e così via.
In ogni dado si disegnano gli oggetti più disparati: un paio di baffi e un ombrello, il sole la luna e le stelle, un albero e una corona, una barca e un elicottero, un cuore e uno stivale. Poi si lancia un dado e da lì si parte, inventando una storia. Un altro giocatore lancia un altro dado e continua, fino a che noia non vi separi.

Ai dadi inventastorie va poi aggiunto un dado speciale, che noi chiamiamo il dado degli animali
Lo avevamo già fatto mesi fa in cartone, ma il lungo e prolungato uso ne ha logorato la struttura così lo abbiamo rifatto in legno. Nel dado degli animali (incredibile a dirsi) ci sono disegnati solo animali: può essere aggiunto ai dadi inventastorie, per far entrare qualche protagonista animale nelle assurdità che inventerete, ma può essere usato anche da solo, per il diletto dei più piccoli.


Questi che vedete qui sopra sono gli animali che ci abbiamo disegnato noi: quando esce il cavallo Tommaso si lancia in un galoppo spericolato tra la cucina e il salotto, quando esce la farfalla svolazza, quando esce il coniglio saltella con la grazia di un rospo sciancato e così via.
Ovviamente gli animali da inserire e quindi le varianti sono infinite. 
Io vi consiglio solo di non dimenticare il koala: vedere vostro figlio corrervi incontro per un abbraccio mozzafiato, come se solo quello lo trattenesse dal cadere da altezze vertiginose, sarà il regalo più bello che potrete trovare nella vostra, di calza... :-)

28 commenti:

  1. A me piacciono molto...Io creo, con la mia tecnica, quelli racconta fiabe....;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che differenza c'è tra gli inventastorie e i raccontafiabe? i personaggi?

      Elimina
  2. Ma che bella eccezione legnosa! Davvero istruttivo e divertente! Specie il dado cavallo al galoppo e quello koala! Come al solito sai strapparmi un sorriso! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io addddooooooro quando fa il koala... anche se non mi riesce proprio a renderlo in bianco e nero!! :-)

      Elimina
  3. è il primo giocattolo fatto a mano che avevo creato per mia figlia quando ancora era nel mio pancione! 6 grossi e morbidi cubi di pannolenci, ogni cubo un tema: animali, insetti, frutta, verdura, cielo e mare.
    dopo tre anni e mezzo e due figli iniziano ad essere un po' stropicciati...e abbiamo appena iniziato a inventar fiabe! finora li hanno usarti più come oggetti da lancio!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh... meglio che abbiano lanciato quelli di pannolenci che quelli di legno!!! ;-P

      Elimina
  4. io resto sempre a bocca aperta con te!
    ma al bambino grande l'hai preparata la calza? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente sì!! :-D ad essere onesti l'ho preparata anche per me, ma mise che dovrò riempirmela da sola... ;-P

      Elimina
  5. Francesca sei fantasticamente vulcanica! bellissimo regalo da mettere nella calza! anche a me piace riempirle da sola le calze (in realtà LA calzA, perché per fortuna non ci sono richieste da altri che Sara!!) però non sono brava come te e il regalo non mangereccio saranno le costruzioni: abbiamo deciso che la nostra Befana porta quelle tutti gli anni... per ora! bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un po' di costruzioni ogni anno? mi sembra un'ottima idea... così sei coperta per almeno altri 4 o 5 anni... :-)
      purtroppo il vulcano è in fase comatosa più che dormiente... ;-P

      Elimina
  6. Ciao, Complimenti per il Blog!!
    Nuova Follower :)

    se ti va, ricambia:
    http://violettaviola01.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. Wow che idea!!!
    Dobbiamo assolutamente farli anche noi, soprattutto visto che il nano gioca molto di fantasia e io incoraggio, perché mi sembra bellissimo.
    Certo che se quando sei impegnata e influenzata ti inventi di queste cose...immagino quanto stai bene!
    Anche io riempio da sola la calza del nano, qualche caramella, una macchinina e costruzioni piccole piccole, sempre per stimolare la fantasia.
    Fortissimo il trentenne che aspetta Topolino...l'Alpmarito per Natale ha aspettato Asterix, che adora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhu... asterix! lo adoro anche io!! ma topolino c'entra meglio, nella calza... :-) se vuoi fare una sorpresa al trentenne basta comprargli un topolino!!
      se hai dei pezzi di legno i dadi vengono benissimo, ma come ho scritto bastano dei cubi con cui i nani non giocano più o dei dadi... Costruendoli di cartone sono più fragili ma hanno il pregio di rinnovarsi (o meglio, di dover essere rinnovati) spesso!!

      Elimina
  8. Bellissimi! io questa volta niente legno, mi sono data ai mostrilli di uncinetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me piacerebbe riprendere in mano l'uncinetto... una dodicina di anni fa c'avevo preso gusto e mi ci sono fatta un intero zaino... ora solo l'idea mi sembra un'impresa titanica!!! :-O

      Elimina
  9. Franci mi sbirluccicano gli occhi!! ho il pirografo a disposizione e non mi sono ancora decisa ad usarlo perchè tutto quello che ho visto fin'ora non mi ha entusiasmato... mi fanno impazzire i tuoi dadi!!! Tanto non riuscirò mai a rifarli quindi mi terrò lo sberluccichio (e il pirografo ancora in stand by).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dirò: col pirografo c'ho fatto finora solo cose del genere, niente di più serio. il mio (che era veramente il meno costoso a disposizione) ha tre problemi: l'impugnatura che dopo poco stanca la mano (i dadi li ho dovuti fare a più riprese, perché mi venivano i crampi), il fatto che si surriscalda presto e la punta che è troppo grossa. dovrei ricomprarne una più sottile ma... ne vale la pena?!? boh... comunque è da provare, pensa a quello che potresti farci!! :-D

      Elimina
  10. cara Franci, mi sa che abbiamo lo stesso pirografo...per di più il mio è vecchio di 40 anni (giuro, non è un'esagerazione), mai decisa a comperarne uno nuovo....i tuoi dai sono fantastici
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio, di pirografo, è nuovo ma secondo me vale di più il tuo vecchio di 40 anni!!! :-D

      Elimina
  11. Chebello aver scoperto questo blog! Complimenti sei un'artista incredibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ma artista mi sembra una parola grossa!! ;-P

      Elimina
  12. Francesca, che bellissimissima idea, veramente mi piace un sacco!!!se fossi madre me li procurerei pure io!!Oppure sono un bellissimo regalo da fare al posto dei soliti regali...Ps: a tuo marito lo hanno portato il topolino? a me non è ancora arrivatooooo buuuuaaaahhhh :'(((((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gliene ha portati due, a quello spudorato, che invece si è limitato a riempire la mia calza di cioccolata che nemmeno posso mangiare troppo, o mi riempio di bolle!!!
      l'ultima storia dell'ultimo topolino è una figata, molto ocean's eleven!! :-D

      Elimina
  13. Dadi stupendi!!! Noi li abbiamo comprati di legno credo la scorsa estate... ma vuoi mettere farseli da soli??!!! Koala, koala, koala, koala... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu?!? TU li hai comprati?!? non ci credo...

      Elimina
  14. Ciao! Sono Jenny e trovo che il tuo blog sia davvero molto interessante. Adoro la cosmesi e tutto ciò che implica creatività e fantasia e cerco di scoprirne sempre di più... e da oggi lo farò anche grazie a te. Mi sono iscritta tra i tuoi lettori fissi! ^_^
    Giochino semplice e divertente... devo proporlo al mio nipotino *.*

    Ho creato anche io da poco un blog e se ti andrà di ricambiare l'iscrizione (sempre se sarà di tuo gradimento), ne sarei felice, mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi... e poi sarà come scambiarci un pensierino di Buon Anno (siamo ancora in tempo spero! eheh ) *.*
    Il blog è:

    http://lastanzadellesorprese.blogspot.it/search/label/Ingresso

    ...ti aspetto se vorrai!
    Jenny

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...