giovedì 22 maggio 2014

Science for Fun: i FIORI COLORATI (che prima erano bianchi)

Nuovo pseudo esperimento scientifico, tanto per divertirci e riempire di strisce colorate queste giornate di sole che sembrano destinate a durar poco (grrrrr!).
E, già che ci siamo, imparare come l'acqua sale, dalle radici su su attraverso il gambo, fino ai petali. 
E che poi, se per caso e per guduria di qualsiasi nano, l'acqua è colorata, si colorano pure quelli!

Ecco quindi a voi...


Quello che serve è poco e semplice. 
Per quanto riguarda i fiori bianchi, le migliori sono le crisantemine o i garofani: noi avevamo provato con delle normalissime margherite ma non si sono colorate... o forse si sono colorate ma i petali sono talmente piccoli che le striature erano impossibili da vedere! E' vero che non tutti li hanno in giardino e anch'io ho dovuto fare un salto dal fioraio per rimediarli, ma questa può essere una bella occasione per comprare qualche altro bel fiore a gambo lungo, per rendere sciccosa una volta tanto la casa infestata da dinosauri e altre tracce nanesche!
Per quanto riguarda gli inchiostri, noi abbiamo usato le ecoline ma vanno bene anche dei normalissimi coloranti alimentari!

Ed ecco come fare in 3, semplicissime mosse:


C'è infine un quarto passaggio che non vi costerà alcuna fatica e cioè... ASPETTARE!! 
Perché le strisce siano ben visibili come queste a noi sono serviti circa due giorni; due giorni in cui miracolosamente i bicchieri pieni di colorante non si sono rovesciati e il nano è corso continuamente, curioso e impaziente, a controllare lo stato d'avanzamento dell'esperimento!


C'è anche un'altra variante di questo esperimento, che nonostante le mie fosche previsioni ha funzionato e che serve a far capire come, all'interno del gambo di un fiore, l'acqua scorra in tanti tubicini diversi: spaccando a metà lo stelo (non oltre la metà della sua lunghezza) e immergendo le due parti  in acque colorate diversamente, anche i petali prenderanno colori diversi! :-) 


Provare per credere...

10 commenti:

  1. Bella idea questo esperimento! La divisione del gambo con immersione in coloranti diversi penso che convincerebbe anche San Tommaso: ottimo metodo dimostrativo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, quella è la cosa che mi è piaciuta di più... e pensavo nemmeno funzionasse perché non ero andata molto dritta col taglio!!! :-)

      Elimina
  2. che forte! ne sai una più del diavolo... cara amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quella di spaccare il gambo non la sapevo neanche io... è stata una novità!! :-D

      Elimina
  3. ma guarda che idea interessante hai tirato fuori dal tuo cappello magico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idea di vetusta memoria... lo facevo da piccola... e se lo fai coi gambi di sedano, tagliando il gambo dopo una giornata di ammollo, riesci a vedere tutti i tubicini interni colorati che portano l'acqua... :-)

      Elimina
  4. uno di quegli esperimenti che mi ripropongo sempre di fare e mai realizzo! Non so, li trovo tanto poetici i fiori colorati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, anche io era da... boh... almeno un anno che dicevo a tommi che lo avremmo fatto! poi mi sono decisa. e a parte comprare le crisantemi il tempo impiegato è stato 3 secondi!! :-D

      Elimina
  5. Ganzissimo! non so se sia riciclo creativo ma io pinno lo stesso :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, si possono usare dei bicchieri riciclati per esempio... ;-P

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...