domenica 17 febbraio 2013

Homemade TOYS: PICCOLI "LETTERATI" CRESCONO...


Tutto è nato per caso. Giuro, non ne avevamo la minima intenzione.
Era una sera di novembre, nebbiosa fuori casa e stancante dentro, dato che Tommaso si stava esibendo nella sua miglior versione del “come sei uggioso”, altrimenti detto - per chi non fosse made in chianti -  “come sei rompiballe”. Così Valerio l’ha piazzato davanti al computer, gli ha aperto un file di word con il carattere a 200 e ha pronunciato 4 secche, profetiche parole: “Tiè, scrivi le lettere!”

E Tommaso ha scritto.
Ovviamente non tutto e non da subito, ma da quella sera è stato amore. Ammmmooooore con la A maiuscola, tanto per restare in tema di lettere.
Prima ha imparato la T di Tommaso, la M di mamma e la V di Valerio, poi la N di nonni, la S di Sara, la A di Alice e così via. Poi ha iniziato a riconoscere le lettere nei libri e nei cartelli stradali. A farle con le dita e torcendo senza pietà il serpente paraspifferi che sta sotto la porta.
E alla fine la mamma gli ha preparato un apposito, didattico, non ingombrante (requisito essenziale!) e semplicissimo gioco. Anche perché ore e ore davanti al computer, a due anni, ci sembravano un biglietto d’ingresso, automatico e senza scalo, nell’allegro mondo della miopia.


Il GIOCO DELLE LETTERE è facilissimo da costruire (anzi diciamo che costruire è una definizione eccessiva… si tratta solo di scaricare i pdf, ritagliare le schede con le lettere e i cerchi con le immagini e scrivere il nome dietro ad ogni immagine)…


…e facilissimo da giocare, perché bisogna solamente mettere ogni immagine sotto la lettera giusta (aiutandosi – è chiaro – col nome scritto dietro). Roba che anche un duenne ce la può fare, insomma.

L’unica accortezza è non strafare. Che persino noi abbiamo bisogno dei nostri tempi, figuriamoci un bambino. Le immagini sono divise in categorie (animali, oggetti, cibo) e a Tommaso le abbiamo proposte una per volta. Meglio ancora sarebbe cominciare con delle foto vostre, ritagliate e con dietro scritto “Mamma”, “Papà”, “Zia Antonietta” eccetera, perché di solito i bambini iniziano a riconoscere le lettere che associano alla loro famiglia.
Poi magari si può passare agli animali. Dopo qualche giorno/settimana ai cibi. E infine agli oggetti, che sono tanti e vari, anche se ho cercato di disegnare cose facili da riconoscere e di uso quotidiano (M di mano e di maglietta, S di scarpe e spazzolino, O di occhio e ombrello…).


Se anche a casa vostra serpeggia discreta o divampa platealmente la passione per le lettere, se anche i vostri pargoli aspirano a diventare giovani "letterati" (per poi consumarsi gli occhi nella scrittura di un romanzo adolescenziale quando avranno 16 anni) qui sotto trovate, da scaricare freely:

E voi? Lettere e numeri anche da voi? J

22 commenti:

  1. Oh che bello, lo trovo molto interessante. Ormai stasera è tardi ma domani vedo di scaricarlo e usarlo per le mie bimbe. Loro hanno 4 anni. Per cui per loro la cosa deve essere più semplice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per loro sarà uno scherzo!! :-) e magari in due potresti organizzare delle sfide... o anche solo goderti il lusso di riposarti mentre loro si prestano assistenza reciproca (invece Tommi vuole che io stia lì a passargli le immagini e a dirgli "ma braaaaaavo". un ruolo molto attivo, insomma, il mio. a volte mi addormento perfino :-P)

      Elimina
  2. Uhm ... mi piace molto ... aspettiamo che il pupo cresca un po'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) beh, sì, direi che ora è veramente troppo presto!!!

      Elimina
  3. lo scaricherò! :-)
    marta ha cominciato a scoprire le lettere grazie al paroliere (la versione "analogica" di ruzzle, eheh). Ora sa la I di Isaia (e la scrive), la M di Marta e la A di Andrea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno male, mi confermi il fatto che il primo passo da fare è quello delle foto di famiglia! :-)
      vederli scrivere è uno spasso... (certo che dire "Isaia" è veramente un'impresa per una duenne!!!). Tommaso fa - ovviamente - la T, ma la cosa più divertente è la firma che mette sotto ai disegni... una T con un albero vicino... sempre!! Spero tanto che non la perda crescendo, perchè la "firma artistica" a due anni mi esalta proprio!! :-P

      Elimina
    2. ma la firma...è fantastica :-)
      Marta fa una M che sembrano gli appennini, e la I di Isaia...beh, c'ha il compagnetto in classe che si chiama così, ehe!

      Elimina
    3. ahah... si chiamano "compagnetti di classe" oggi, eh?!? :-P

      Elimina
  4. Peccato che fossi totalmente afona sabato, e sono stata poco loquace... avrei voluto dirtelo a voce: sei strabiliante!!!
    bellissime, scarico, stampo e giochiamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eri davvero senza voce, ma non sei stata poco loquace, davvero!! anzi credo tu ti sia sforzata pure troppo!! ma ora è tornata, la voce?
      un bacio a sara da tommaso, che da due giorni non fa che parlare di lei!!! (e dell'acquario... ora dobbiamo proprio costruirne uno!)

      Elimina
    2. Niente voce Fra, e in più è aumentata la tosse, che mi fa rintronare la testa... la favola la sera per ora la legge babbo...
      anche Sara ieri ha raccontato ai nonni in visita del suo amico tommaso... e delle razze naturlamente!

      Elimina
  5. un saluto caro e i nostri complimenti e ringraziamenti per i tuoi giochi sempre interessantissimi e da noi copiatissimi

    http://thesoundofamily.blogspot.it/2013/02/ma-noi-ci-siamo-solo-un-po-distanti.html

    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bellissimo risentirti ogni tanto e sapere che, pur nel tempo e nel silenzio che ti stai prendendo, ci sei!! :-)

      Elimina
  6. Ciao Francesca,
    ti ho conosciuta solo ora e...ma che bel blog!
    E complimenti per il tuo lavoro.
    Il suggerimento di questo post lo faccio mio: il mio quasi quattrenne ne sarà entusiasta.
    Alla prossima
    Grazia

    RispondiElimina
  7. sto stampando :) I tuoi disegni degli animali sono STUPENDI e, se Killò, non vorrà giocarci, mi faccio un quadretto per meeeee :)
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D grazie!! quasi tutti i disegni sono "riciclati" da lavori che sto facendo... fammi sapere se Killò apprezza!!!

      Elimina
  8. sempre idee fantastiche! mi segno il gioco, per ora Leo è troppo piccino...siamo al gioco dei colori con i tappi ;-)
    kate

    RispondiElimina
  9. ciao cara, se passi da me c'è un premio che ti aspetta ;-)
    http://giokaconleo.blogspot.it/2013/02/primo-premio-per-il-mio-bloggerino.html
    kate

    RispondiElimina
  10. Noooooo, bellissimo!!! Scusa il ritardo mostruoso, ma non sono riuscita a venire prima a commentare! Davvero un'ideona e poi ri dico che hai generato un mostro! Nel senso positivo della parola ovviamente! Ci proverò a proporlo alla piccola peste... Grazie mille!
    Baci

    Te lo pinno subito!

    RispondiElimina
  11. Brava Francesca e grazie per aver messo questo gioco a disposizione di tutti. Io userei le tue illustrazioni per altre cose, tipo per decorare le mie pagine di art journal, quindi come vedi, il gioco e' utile anche ai grandi...

    Thank u!! alex

    RispondiElimina
  12. ciao Francesca! Io ho acquistato un biglietto d'ingresso nel mondo della miopia quando i computer ...occupavano 1 intera stanza =D =D =D Diciamo che il più piccolo dei miei 3 figli ha quasi 16 anni e che -se potessi tornare indietro nel tempo- qui certamente troverei materiale per aiutarli (e aiutarci!) nel loro crescere! BRAVA!!!
    Ti ho conosciuta tramite Clod (Artefatti)e ne sono felice =)
    Ciao. Silvia

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...